21 Mar

Calvario Anarchico

Riascolta l'intervista di Francesco Risso ai protagonisti dello spettacolo

Siamo negli ultimi anni di carcere di Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti, i due italiani emigrati a inizio Novecento negli Stati Uniti, e condannati nel 1920 alla sedia elettrica perché anarchici. Il momento è fotografato dopo che la sentenza di morte “per tramite di scarica elettrica” è stata resa definitiva, e dopo che ogni tentativo di riapertura del caso e ogni petizione e richiesta d’appello si è rivelata vana. Sacco e Vanzetti sono rinchiusi uno nel carcere di Dedham, l’altro a Charlestown, manca poco all’esecuzione, scrivono molte lettere, scrivono ai propri familiari, agli amici e compagni di partito, e si scrivono tra di loro. È un dialogo intenso e fitto con il mondo e con se stessi, fatto di politica, di sentimenti, di umanità, di orgoglio, di paura. L’attesa della sedia elettrica è un calvario. Anarchico, però, dove la religiosità e forza delle parole di Sacco e di Vanzetti intrecciano le ultime parole di Cristo sulla croce, spesso sovrapponendo il significato spesso sovvertendolo. Parole diverse quelle dei due condannati, per il nodo tra speranza, tentativi, e disperazione, unite da qualcosa di spirituale e di profondamente umano che agita il loro tempo in attesa della morte.

Calvario Anarchico di Monica Luccisano, con protagonisti Giovani Franzoni e Alessandro Federico sarà in scena al Cine Teatro Baretti mercoledì 21, giovedì 22 e venerdì 23 marzo 2018.

Venue

Cine Teatro Baretti, Torino.

Details

Date:
21 marzo 2018
Categories:
Teatro